Castello di Terria – Ferentillo (Tr)

Uno dei tanti bellissimi borghi che per la loro particolare posizione isolata si stanno quasi completamente spopolando.

 

Cenni Storici

Il castello di Terria sorge sul colle La Bernara, a 425 m s.l.m,sugli ultimi rilievi del versante orientale della Valle del Nera, ai confini dell’antico Ducato di Ferentillo, sulla riva sinistra del Nera.
Il centro è diviso in due nuclei (Terria e Terria de Cuntra) separati da un corso d’acqua.
Il castello, di impianto triangolare e della tipologia di pendio è dominato dall’alto cassero, torre risalente al XII secolo, forse preesistente all’edificazione del sottostante abitato.
Era feudo dell’Abbazia di San Pietro in Valle.
Era presente un Monte frumentario, la documentazione pervenuta ne attesta l’attività dalla fine del XVIII secolo.
Dopo l’Unità d’Italia l’amministrazione passò alla locale Congregazione di carità.
Non si conosce la data di soppressione.
Nel decennio tra il 1920 e il 1930 Terria è stata interessata da un forte flusso immigratorio di boscaioli provenienti dall’Abruzzo e dalla Toscana per la produzione di carbone da legname, trasportato a valle dal Monte Aspra tramite una teleferica che giungeva fino a Sambucheto.
Ancora oggi, recandosi a Terria è possibile vedere scene che risalgono a un passato che solo qui sopravvive.
In seguito ad una pesante emigrazione, il borgo e la vicina Terria di Contra secondo il censimento Istat 2001 risultavano popolate da appena 30 abitanti.
Da vedere la Chiesa di San Lorenzoe la Chiesa della Madonna del Rosario.
A valle dell’abitato, nei pressi del Nera è presente un laboratorio ittico ove sono effettuate ricerche e studi che mirano alla conservazione di specie ittiche autoctone.
Nei pressi si trova un interessante casale con edicola affrescata con una raffigurazione della Madonna col Bambino.
Un’altra edicola si trova lungo una vicina mulattiera.
 

Fonti documentative

BACARO ANTONELLA, La cappella della Madonna del Rosaro di Terria, in VIRILI MIRO (a cura di) HYDRA – Studi sull’area naturale protetta regionale Parco Fluviale del Nera
FAUSTI LUIGI, I Castelli e le Ville dell’antico e contado e distretto della città di Spoleto – 1993
Favetti Carlo – Ferentillo segreta…. Storia di un Principato
SANSI A., Storia del Comune di Spoleto, Accademia Spoletina, Spoleto, 1876

http://siusa.archivi.beniculturali.it/cgi-bin/pagina.pl?TipoPag=prodente&Chiave=32683

 

Nota

La galleria fotografica ed il testo sono stati realizzati da Silvio Sorcini.
 

Da vedere nella zona

Chiesa di San Nicola
Chiesa della Madonna del Rosario

Ampognano
Castello di Ampognano

Castellonalto
Castello di Castellonalto
Chiesa di Sant’Andrea
Dogana del Salto del Cieco
Chiesa di San Giovanni Evangelista
Eremo di Sant’Egidio

Castellonbasso
Chiesa di Santa Maria Assunta

Colle Olivo
Castello di Colle Olivo

Colleponte
Chiesa di San Giovanni
Chiesa della Madonna delle Grazie

Gabbio
Castello di Gabbio
Chiesa di San Vincenzo al Gabbio
Chiesa (Edicola) di San Rocco

Ferentillo
Castello di Ferentillo
Collegiata di Santa Maria
Chiesa di Santo Stefano
Museo delle Mummie
Affreschi Rupestri
Chiesa della Madonna di Piedilago

Le Mura
Castello Le Mura

Lorino
Chiesa di San Giovanni Battista

Macenano
Abbazia di San Pietro in Valle
Chiesa di San Giovanni
Chiesa di Sant’Anna
Chiesa della Madonna delle Grazie

Monterivoso
Castello di Monterivoso
Chiesa di Santa Lucia
Chiesa di Sant’Antonio
Eremo di San Michele
Chiesa di San Nicola

Nicciano
Chiesa di San Michele Arcangelo

Sambucheto
Chiesa di Santa Caterina

San Mamiliano
Castello di San Mamiliano
Chiesa di San Biagio

Umbriano
Castello di Umbriano
 

Mappa

Link alle coordinate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>