Chiesa di San Severino – Montalbo

La chiesa è sempre chiusa, ma ben tenuta, infatti è molto curata la parte esterna con aiuole pulite e fiori piantati sempre freschi.

 

Cenni descrittivi

Montalbo è un minuscolo paese, ciò che resta di un castello, di fronte e ad occidente di Sellano ad un’altitudine di 760 metri s.l.m. in una collina più in basso del paese sorge la chiesa di San Severino.
La struttura è minuta, di stile romanico con portale a lunetta, un minuscolo campanile a vela sul lato sinistro e dietro la piccola abside del XIII secolo.
Sulle pareti affiorano affreschi datati tra il XIII e XVI sec. tra cui quest’ultimi eseguiti da pittori seguaci dello Spagna.
Tra queste immagini è da menzionare due Madonne con Bambino ex voto con la scritta QUESTA FIGURA FE’ FARE MARIA ANDREA DE LU MONTE ALVA A.D. M.D.22. La chiesa era di ius-patronato della Comunità di Sellano e tale è rimasta fino ai nostri giorni.
Durante gli eventi sismici del 1997 la struttura ha subito lesioni, ma sono stati apportati interventi consolidativi e di restauro che hanno riconsegnato alla Comunità un bene di notevole valore.
Purtroppo riservato a pochi in quanto la fruibilità è scarsa perché purtroppo è sempre chiusa ed è complicato trovare le chiavi.
 

Festa del Santo

San Severino è patrono di Sellano insieme al Beato Giolo e la festa viene fatta il giorno 8 giugno.
 

Ringraziamenti

Un grazie doveroso e sentito va alla signora Maria, donna moldava che oramai da diversi anni custodisce gelosamente la chiesa, ed è grazie a lei che con tanta dedizione e tanto amore, fa si che tutta l’area esterna ed interna sia ben curata e diligentemente custodita. E’ lei che taglia l’erba, pota gli arbusti, pianta i fiori, custodisce le aiuole e innaffia d’estate tutti i giorni, anche se qualcuno puntualmente si impegna a distruggere il suo operato in modo vandalico.
Grazie a Maria che attraverso il suo sacrificio e il suo impegno ed a proprie spese questo bene prezioso, custode della storia del territorio, viene mantenuto e reso fruibile. Infine un grido d’allarme: gli affreschi contenuti all’interno necessitano di un’opera di restauro che la signora da sola non può sostenere, pertanto lancio un appello a suo nome per trovare qualche persona di buona volontà che possa contribuire al mantenimento e alla conservazione di questo tesoro che altrimenti andrebbe perduto.
 

Bibliografia

Storia dei Comuni della Valnerina di Don Anzano Fabbi
 

Mappa

Link alle coordinate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>