Abbazia di San Benedetto in Fundis – Stroncone

L’Abbazia versa in uno stato di completo abbandono preda di sterpi e vegetazione ed è difficile trovarla sia per la sua posizione piuttosto nascosta, sia per la fitta vebetazione che la assale, sia perchè nemmeno gli abitanti del posto sanno che esiste.

 

Cenni Storici

Sorge lungo la strada che unisce Stroncone alla frazione di Miranda, fra Monte Rotondo e Terminuto, presso la cosiddetta “fonte di monaci”.
È ricordata per la prima volta in un documento del 1181, ma non se ne conosce con certezza la data della fondazione.
Quasi sicuramente dipendente da Farfa, si suppone che fu eretta dai monaci di tale maggiore cenobio.
Nel 1233 era alle dipendenze del monastero di San Matteo di Rieti.
Tra il 1275 e il 1280 pagava regolarmente le decime ai collettori pontifici.
Alla fine del XIVsecolo, anche a causa dell’instabilità della situazione economica il complesso risultava in cattive condizioni, finché nel 1492 fu concesso in commenda.
Alla fine del ‘600 ormai giaceva in pessimo stato di conservazione; nel 1810 passò al cardinale Ludovico Gazzoli, che non ne arrestò il degrado strutturale.
Attualmente la chiesa, nonostante sia in completo stato di abbandono e priva del tetto, mostra ancora ben visibile la pianta basilicale a tre navate con absidi contrapposte e il presbiterio rialzato che conserva il rudere della cattedra.
Sotto il presbiterio si nota la cripta, molto angusta e assai mal ridotta.
Secondo quanto afferma Bernardino Sperandio, sono da supporre due fasi di costruzione dell’edificio.
Alla prima fase risalirebbe una primitiva chiesa, ancora visibile, ad unica navata e con l’abside rivolta verso est, riferibile al IX-X secolo.
Alla seconda fase, invece, come è emerso da un rifacimento, risalirebbe la costruzione a tre navate, databile al XII – XIII secolo .
In una visita effettuata dal Lanzi nel XIX secolo nella cripta viene segnalata anche la presenza di affreschi ricoperti da mani di imbiancatura.
Gli edifici annessi sembrano appartenere ad un periodo compreso tra la fine del XV secolo e gli inizi del XVI Secolo.
 

Bibliografia

Abbazie Benedettine in Umbria di Francesco Guarino e Alberto Melelli ed. Quattroemme
 

Mappa

Link coordinate: 42.515073 12.683178

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>