Castello di Ampognano – Ferentillo (TR)

 

Cenni Storici

Sorto sulle basi di un “praedia rustica” romano, Ampognano è un piccolo paesino agricolo, con soli sette residenti.
Si trova lungo una di quelle che furono vie di comunicazione di una certa importanza al tempo del ducato Longobardo, dalla Valle del Nera a San Mamiliano e da qui scendeva verso Strettura oppure saliva verso il valico della Somma, fino a Spoleto.
L’abitato conserva poco della sua lunga storia, degno di nota un portale con stemma e data 1483.
Tra gli ulivi secolari si scorge una chiesa, di proprietà privata,oggi non officiata, edificata in onore della Madonna della Pergola, che come vuole la tradizione apparve ad una fanciulla del posto.
Il 13 luglio 1900, non molto lontano dalle dieci case di Ampognano, su un campo scosceso, erano in tanti ad aspettare che comparisse la Vergine: aveva fissato l’appuntamento per quella data a una bambina di una decina d’anni, Maddalena Grasselli di Ampognano, cui era comparsa un po’ di tempo prima, mentre stava raccogliendo fieno.
Le cronache non chiariscono se effettivamente la Madonna rispettò l’appuntamento, anche se molti affermarono di averla vista e di esserne stati miracolati.
Il piccolo edificio non conserva arredi all’interno, la semplice facciata è quella tipica dell’edificio devozionale, con le due finestrelle che affiancano il portone sormontato da un piccolo oculo.
Il campanile a vela, a un solo fornice è disposto centralmente.
 

Fonti documentative

http://www.turismoferentillo.it/ita/6/i-castelli/?ss=6

https://umbriasud.altervista.org/ampognano-una-folla-in-attesa-della-madonna/

 

Nota

La galleria fotografica ed il testo sono stati realizzati da Silvio Sorcini.
 

Mappa

Loading
Centra mappa
Traffico
In bicicletta
Trasporti
Google MapsOttieni i Percorsi

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>