Chiesa di San Fortunato – Cibottola (PG)

La chiesa è sempre chiusa ma officiata, viene aperta per la ricorrenza dell’Ascensione oppure contattare il parroco di Pietrafitta

 

Cenni storici

La chiesa parrocchiale, ubicata all’interno del castello di Cibottola, è dedicata a S. Fortunato.
Eretta quasi sicuramente prima del Mille, è documentata dall’inizio del Trecento e il 15 dicembre 1434 venne iscritta al catasto per 9 libre e due soldi.
Il patrimonio fondiario della chiesa andò però gradatamente aumentando fino a raggiungere nel 1462 un massimo di 51 libre e 19 soldi.
 

Aspetto esterno

La facciata è molto semplice: con un portone sormontato da un arco ed un rosone centrale in alto.
La Chiesa, nel tempo ha subito vari rifacimenti, l’ultimo dei quali, senza apportare sostanziali modifiche all’architettura, nel 1946.
 

Interno

L’interno, a navata unica, presenta tre archi a sesto acuto, che reggono il tetto a travatura a vista, mentre il presbiterio è coperto con volta a botte e vele laterali.
Entrando, sulla destra, si trova un’acquasantiera di travertino, antichissima, e il fonte battesimale in pietra arenaria, già esistente all’atto della prima visita pastorale, 6 settembre 1565, eseguita, mentre era parroco don Alessandro Adami, da Donatus Torrius, allora vicario del Vescovo della Cornia.
La prima campata a destra è adornata da sei affreschi, discreti conservati, riproducenti nell’ordine S. Pietro martire, S. Domenico, S. Ludovico da Tolosa, S.Lucia, e S.Filomena, ai quali fa seguito, Madonna con il Bambino, a capo reclinato, come in atto di benevolo ascolto verso i fedeli che le si fermano davanti.
Tra quest’ultimo affresco e precedenti esisti una certa differenza stilistica dovuta al fatto che, mentre nei primi domina la staticità caratteristica della pittura bizantina, nella Madonna si nota un tentativo di movimento, come d’ispirazione giottesca; si pensa infatti che a realizzare l’affresco della Madonna sia stato un allievo di Giotto.
Segue una tela di discreta fattura raffigurante la Madonna del Carmine e le anime del Purgatorio. Tale dipinto, del secolo XVIII, è anonimo ( non più presente nella chiesa ).
Sul piedritto del terzo arco, affresco del Cinquecento, quasi sicuramente di scuola umbra, riproducente un piccolo angelo.
L’altare maggiore, dedicato alla Beata Vergine delle Grazie, è dominato dalla tavola della Madonna con il Bambino e presenta sullo sfondo una veduta del castello di Cibottola (a sinistra) e del convento francescano di S. Bartolomeo (a destra).
Autore dell’opera del pittore Giovanni Tronfi di La Spezia, che lo eseguì nel 1944.
Girano attorno alla tavola 15 formelle quadrate con affreschi riproducenti i 15 misteri del Rosario.
Detto altare gode dell’indulgenza quotidiana.
Ai lati di esso spiccano due grandi tele, della fine del secolo XVII, raffiguranti La visita di Maria SS. a S. Elisabetta (destra) e S. Antonio da Padova (sinistra).
Sulla parete di sinistra, entrando, grande tela ad olio del 1611, riproducente una Crocifissione con i santi titolari Bonifacio, Fortunato, Pietro martire e Giorgio. Tale dipinto è stato restaurato nel 1946 dal pittore Serena.
Sul primo piedritto, S. Pietro apostolo che mostra le chiavi (affresco) e sulla scuola campata, una tela non datata raffigurante S. Margherita da Cortona.
Sul terzo piedritto, S. Rocco (affresco)
Nell’ufficio parrocchiale, da ammirarsi altre due tele di discreta fattura, forse del XVIII secolo, riproducenti S. Bonifacio Vescovo di Utrecht e S. Antonio da abate.
Al limite tra la parte della chiesa destinata ai fedeli e il presbiterio vi sono quattro tombe comuni, interdipendenti, individuate da una semplice pietra a raso pavimento, l’ultima delle quali (a destra), destinata ai bambini, porta incisa la seguente dicitura; Angeli fanciulli (1722).
Le altre tre erano riservate agli adulti.
Fin dal 1360 Cibottola aveva anche un ospedale , detto S. Fortunato perché unito alla suddetta chiesa.
 

Nota

Tutte le tele di cui si parla nell’articolo non sono più presenti nella chiesa.
 

Fonti documentative

http://www.visitpiegaro.com/il-territorio/cibottola-e-il-suo-castello.html

http://www.umbria.ws/content/chiesa-di-san-fortunato-piegaro

 

Da vedere nella zona

Castello di Cibottola
Convento di San Bartolomeo
Castello di Pietrafitta
Abbazia dei Sette Frati
 

Mappa

Link alle coordinate

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>